Lignoalp EXPO 2015
Torna Sù
Novità generali Attualità

LignoAlp realizza la struttura lignea della copertura del Padiglione thailandese all'EXPO 2015

Un padiglione tra i più grandi che faranno mostra di se nell’esposizione all'Expo 2015 di Milano 2015.

L’architettura del Padiglione è la prima cosa con cui i visitatori entrano in contatto, quindi deve riflettere il tema della partecipazione e l’identità del Paese partecipante. Per questo il Padiglione thailandese disegnato da OBA (The Office of Bangkok Architects), che si estende su uno spazio complessivo di 2.947 metri quadri, prevede la costruzione centrale disegnata a forma di "ngob", il cappello tradizionale degli agricoltori thailandesi, ancora largamente usato oggi come in passato. Il cappello, fatto di paglia intrecciata, è realizzato in una maniera tale da lasciar passare l'aria così che l'agricoltore non sudi nonostante passi ore nei campi all'aperto, e questo modo verrà riprodotto, dal momento che le costruzioni nell'Expo saranno a pochissimo impatto ambientale. La costruzione presenta anche altri elementi ed è disegnata in maniera che dall'alto riprenda la forma del paese del sud est asiatico. I disegnatori thailandesi hanno inserito anche il simbolo divino del “Naga”, che rappresenta l'acqua e la sezione di uno stupa, un monumento buddista.

Per gli organizzatori thailandesi sono tre le direttrici su cui si è sviluppato il progetto: mostrare lo spirito agricolo del paese e l'importanza che l'agricoltura ha per la Thailandia; presentare l'ex regno di Siam come la cucina del mondo, mostrando le alte tecnologie presenti sul territorio per la conservazione e l'impacchettamento del cibo; presentare la via sostenibile all'agricoltura intrapresa nel paese e fortemente voluta dal re. La struttura, ecosostenibile, è arricchita da mappe e proiezioni video a 360 gradi ma anche da spettacoli di natura acrobatica.

Gli elementi prefabbricati in legno della copertura a forma di “ngob” del Padiglione thailandese sono stati prodotti e posati da LignoAlp con il lavoro e l’impegno di carpentieri altoatesini.